Con una impresa senza precedenti  l’U.S.Luca Locatelli Genova conquista al Lago Figoi la Final Eight Scudetto femminile di pallanuoto, la prima della sua storia in questa categoria, in un girone di ferro che comprendeva oltre alle lontre, due squadre quotatissime come CSS Verona e Como Nuoto ed una compagine di buon livello come la Roma Vis Nova.
   Se negli altri tre gironi di semifinale infatti la qualificazione è stata estremamente morbida per le prime due classificate, quello di Genova si è dimostrato una vera e propria trappola, con tre squadre che valevano tutte un posto fra le prime sei compagini italiane. Nel primo incontro le ragazze della Locatelli Genova hanno battuto con relativa semplicità la Roma Vis Nova (che ha poi terminato a zero punti) per 10-5, mentre Verona e Como hanno pareggiato 12-12 in una partita splendida ed emozionante. Nel secondo turno il Verona approfittava di un inizio al rallentatore della Locatelli per poi controllare e aggiudicarsi (12-9) la gara,per cui le lontre genovesi hanno affrontato l’incontro decisivo con il Como col solo risultato possibile di una vittoria, che avrebbe spalancato le porte alla qualificazione.
   Con un inizio strepitoso il Como si portava in vantaggio anche di tre reti (5-2 a metà secondo tempo), un gap in realtà di 4 gol per la Locatelli obbligata a vincere. Da metà secondo tempo le lontre, campionesse d’Italia under 16 in carica, si ricordano chi sono e con un crescendo wagneriano infilano per quattro volte la difesa lariana, passando in vantaggio per la prima volta e restandoci fino alla fine aumentando il divario fino al 13-7 finale che consegna alla squadra della presidentessa Maria “Franca” Carozzo secondo posto e finale nazionale.
   In grande evidenza Eleonora Bianco che cala di prepotenza un settebello di reti che fa la differenza, Irene Rossi che oltre alle quattro reti personali ha agito da autentico volano per tutta la squadra, Arianna Banchi che ha fatto impazzire la difesa comasca oltre a piazzare la fondamentale rete del 6-6, Vittoria Ravenna, con una partita di grande sostanza, che ha avuto il merito enorme di tenere viva la squadra a fine prima frazione realizzando il gol del -2 (2-4), Lara Polidori solito e solido baluardo della difesa, Clelia Donato in crescita esponenziale, che al momento giusto si è sacrificata in fase difensiva recuperando preziosi palloni, e Asia Avenoso che da metà secondo tempo si è arresa solo all’impossibile, erigendo un muro  a difesa della propria porta, poi inviolata per circa 11 minuti. Un grande contributo alla vittoria arriva come sempre dalla panchina, splendida nel dare alle compagne il tempo di rifiatare ed un grande sostegno nei momenti di difficoltà che il match ha avuto: ottime dunque anche Chiara Padula, Margherita Medicina, Nausicaa Magaglio e Ludovica Pizzimbone, Gaia Frisina e Maddalena Canepa, che possono tutte assieme esultare per questo fantastico risultato che le porterà assieme al coach Stefano Carbone alle finali scudetto di Avezzano, la prossima settimana.
  Questo grande risultato arriva al termine di una settimana che però ha visto la nostra squadra di A2 soccombere al termine di una partita giocata in maniera pessima (o forse sarebbe più,corretto dire non giocata proprio) al cospetto di un Rapallo decisamente più concentrato e volitivo che si è aggiudicato già nel primo tempo (terminato 5-0) la partita, poi conclusa 13-6, e l’andamento equilibrato delle altre tre frazioni non ha fatto che aumentare il rimpianto per un approccio alla gara che peggiore non avrebbe potuto essere.
   Dal settore maschile buone notizie per la vittoria in trasferta proprio col Rapallo (9-13) che consolida il secondo posto in classifica, una sconfitta onorevolissima (5-9) col Lavagna per la under 16 ancora priva del portiere titolare,ma con Pietro Porcile della under 14 in grandissima evidenza fra i pali, e una vittoria nettissima per la Under 19 di PallanuotoItalia contro il Team Lombardia Rho che ci spalanca le porte verso la finalissima di categoria del 12 giugno che potrebbe portare i ragazzi di Michele Garalti a conquistare un prestigioso trofeo.
  Fra i numerosi impegni in programma nei prossimi giorni i riflettori sono accesi sulla B maschile che sfida sabato alle 15 al Figoi la Lazio WP, ma soprattutto sulla partita di Serie A2 domenica alle 13,30 ad Albaro, dove le ragazze cercheranno di rifarsi subito della debacle di Rapallo, ma l’avversario è il peggiore che potesse capitare, la capolista Bologna. Forza lontre!!! 

Aggiungi un tuo commento!