A.N. BRESCIA – U.S.LUCA LOCATELLI GENOVA 5-6
(0-1, 0-2, 3-1, 2-2)
An Brescia: Fanelli, Usanza, Facchinetti 1, Scifoni, Bovo Carola, Testa, Bovo Corinne 3, Serra, Casali 1 (rigore), Buizza, Barberi, Vitali C., Fiorese. All. Calderara.
Locatelli Genova: Avenoso, Bianco 2 (un rigore), Donato, Bissocoli, Ravenna 2, Grasso 1, Rossi 1 (rigore), Nucifora, Drago, Medicina, Ciccione, Polidori, Banchi. All. Carbone.
Arbitro: Doro
Superiorità: AN Brescia 2/8 et e 1/1 rigori, Locatelli Genova 2/6 et e 2/3 rigori
 
Piccole lontre crescono, e pure velocemente. Dopo un inizio in chiaroscuro in casa col Como, nel quale dopo un iniziale equilibrio le lariane avevano staccato una prima volta le ragazze di Carbone che dopo una mini rimonta (4-7 a metà terzo tempo) con due gol banalmente subiti in un minuto consegnavano la partita (finale 6-12) alle avversarie, domenica le biancorossoblu erano attese dal Brescia nella prestigiosa vasca di Mompiano, ed hanno colto i primi tre punti della stagione, alla seconda di campionato,in trasferta, e contro una diretta concorrente per la salvezza. Impensabile pochi mesi fa, quando, dopo la splendida salvezza colta ai playout, la squadra ha perso giocatrici storiche come Silvia Figari e Guendalina Benvenuto e altre titolari e la sola contropartita è stata la talentuosa 2006 livornese Cecilia Grasso, frutto del vivaio labronico curato da Francesca Romano. Un’età media sotto i 15 anni e mezzo, una rosa formata da 8 under 15, 4 under 17, e due sole seniores. Probabilmente la squadra più giovane mai vista in una serie A di pallanuoto e non solo. Facile preconizzare una via crucis in A2 per questo gruppo di coraggiose giovanissime. E invece le piccole lontre sono cresciute, stanno crescendo, e lo stanno facendo in fretta. Domenica a Brescia, forti anche di una prestazione mostruosa di Asia Avenoso, tredici anni, sono partite col piede giusto difendendo in modo perfetto, e dopo la rete in apertura in superiorità di Eleonora Bianco, altra 2006, Vittoria Ravenna con una controfuga devastante e ancora Bianco su rigore regalano alla Locatelli il 3-0 con cui finisce il secondo tempo. Dopo altre due parate miracolose di Avenoso su Greta Bovo è proprio la figlia d’arte bresciana a siglare dal centro interrompendo il digiuno della sua squadra, ma è ancora una 2006, Cecilia Grasso a riaprire il gap riprendendo dal palo un tiro di rigore,siglando così il suo primo gol in carriera in serie A. Il Brescia non si perde d’animo e la stessa Bovo con altre due reti riporta le sue compagne in scia prima dell’ultimo intervallo.Il quarto tempo si apre con una scatenata Irene Rossi che conquista e trasforma un penalty (5-3), e ma prima Facchinetti e poi Casali su rigore completano la rimonta. E quando la partita sembra incanalarsi nei binari del pareggio, ancora Grasso si guadagna una espulsione che, dopo il timeout, Vittoria Ravenna trasforma magnificamente concretizzando il primo successo a livello assoluto di questo fantastico gruppo di ragazzine, a 13″ dalla fine.Brescia non riesce a replicare e la festa della lontre può cominciare, il record di sei reti tutte realizzate da ragazze fra i 13 e i 14 anni è acquisito.
Standing ovation per Stefano Carbone e le sue ragazze. 
E le sorprese non finiscono, l’Orizzonte Catania infatti si allenerà la mattina successiva alla Sciorba con le nostre ragazze e la under 15 alla sera regolerà, dopo un primo tempo  esaltante (8-0) le pari età del Rapallo (17-5)
 
Commento del tecnico della U.S.Luca Locatelli Genova, Stefano  Carbone:
“È veramente un grande onore per me allenare questo gruppo, credo che potranno prendersi molte soddisfazioni. Stanno crescendo molto e anche se il campionato è lungo e difficile,non posso non godermi con estrema soddisfazione questo primo e meritato risultato positivo”

Aggiungi un tuo commento!